Cesa - La città del Vino Asprinio, delle 99 Grotte e delle Alberate Aversane

Origine di Cesa

Chiesa San Cesario

Cesa fu in origine probabilmente uno dei minuscoli casali appartenenti alla Liburia Atellana, in cui si svolsero pochi eventi storici di rilievo. Il primo documento che accerta l'esistenza del borgo è un diploma dei principi Pandolfo I e Landolfo III di Capua, risalente all'anno 964 d.C., ma oltre a questo poco è noto sulla sua più remota storia.



La più antica testimonianza della chiesa di S. Cesario risale al 1097, quando il conte Roberto di Sant’Agata,



Leggi
Leggi

Chiesa SS del Rosario

La chiesa, ancorché è menzionata per la prima volta nella Santa Visita che il vescovo di Aversa, Carlo I Carafa, effettuò il 7 aprile del 1637, vanta una fondazione più antica.

Chiesa Madonna dell'Olio

Lungo l'omonima strada e proprio accanto al cimitero sorge la più piccola delle Chiese cittadine.
Leggi
Leggi

Palazzo Marchesale

Attiguo alla Chiesa Parrocchiale, in Via Marconi, sorge maestoso ed imponente, con le sue due suggestive torri, il Palazzo Marchesale, che fu abitato dalle numerose famiglie che in passato furono Signoreidi Cesa. Risalente all'inizio del XV secolo, poco o niente conserva dell'originale struttura, a causa dei lavoridi ampliamento e restauro eseguiti nel secolo XIX dai Maresca, ultimi rpoprietari del feudo. Il palazzo appartenne in seguito alla famiglia De Marinis che concessero, alla fine del secolo XIX una cospicua parte del grande giardino per la costruzione dell'altare maggiore e della cappella di S.Anna nella confinante chiesa Parrocchiale. Molto suggestivi sono lo scalone e le sale affrescate ai piani superiori.

Palazzo De Tilla

Delimitato a nord dall’asse borbonico Aversa-Caivano, a sud dalla linea ferroviaria Napoli-Roma, ad ovest da via Madonna dell’Olio, che sorge su un antico decumano, e, ad est, dai terreni del comune di Sant’Arpino. Così è localizzato l’assetto urbano di Cesa che ha origini antiche.
Leggi

L'Alberata Aversana

Avete mai visto viti che si arrampicano, "maritate" al pioppo, verso il cielo fino a raggiungere i 25 metri di altezza, fornendo delle imponenti barriere verdi, cariche di grappoli?
Leggi

Le Grotte Tufacee

Il Vino Asprinio

Il Vino è uno dei prodotti tipici locali che attira molti visitatori, curiosi di assaggiare questo famoso vino all’interno di una delle grotte tufacee che caratterizzano il borgo e perchè no, magari accompagnato da uno dei piatti tipici locali.
"Non c’è bianco al mondo così assolutamente secco come l’Asprinio: nessuno. Perché i più celebri bianchi secchi includono sempre, nel loro profumo più o meno intenso e più o meno persistente, una sia pur vaghissima vena di dolce.L’Asprinio no.
Leggi
Leggi

Francesco Bagno

Altri Personaggi Illustri

Cesa ha dato i natali, tra gli altri, a:
Mons. Antonio Malvasio (1738-1822), sacerdote che esercitò in Aversa il suo ministero, latinista di vasta cultura ed autore di molte ed importanti opere di Diritto canonico, nonché di testi di genere narrativo (famosissima la sua Eutrapelia).
 Francesco Bagno nacque a Cesa (Caserta) il 26 giugno 1744 da Gregorio e da Beatrice Ferraiolo da Grazzanise. Compiuti i primi studi a Cesa, si trasferì a Napoli dove completò la formazione e la prima pratica medica nel collegio degl’Incurabili.
Leggi
Leggi